Scroll to top
© 2018, Fashion in Town | Credits: Sacrèm Studio | All right reserved.

Ai nastri di partenza la Korea Week romana


Sonia Rondini - 12 Settembre 2019 - 0 comments

“Mangia, Gioca, Ama Korea”. Dall’evocativo titolo che ricorda il celebre film con Julia Roberts, il 30 settembre si aprirà la Korea Week presso l’Istituto Culturale Coreano, a via Nomentana 12. Ovvero la grande vetrina della terra di Seul. 

Quarta edizione capitolina del festival dedicato alla cultura della Corea del Sud, alla rassegna, che si concluderà il 4 ottobre, è affidato il compito di far conoscere in Italia questo interessante Paese e la sua cultura, grazie alla ricca agenda di eventi e spettacoli in cartellone. 

Un ulteriore obiettivo dell’Istituto – spiega il direttore Choong Suk Oh è introdurre la nostra cultura anche attraverso la presentazione della quotidianità coreana, cioè mostrando cosa si mangia, come ci si veste, come si vive a casa dei coreani. Inoltre l’Istituto svolge attività di collaborazione con gli enti locali per promuovere e far conoscere la nostra cultura nel Bel Paese ed implementare lo scambio culturale tra le due nazioni”.

In questo contesto si muove la Korea Week, una settimana di eventi itineranti in giro per l’Italia che si tiene ogni anno a fine primavera, con appuntamento annuale fisso in autunno nella Capitale. Questo format offre a tutti spettacoli di musica e danza, mostre d’arte sia tradizionali che moderne, dimostrazioni di taekwondo, assaggi di cucina coreana, prove di abiti tradizionali, i favolosi “Hanbok”, workshop di scrittura calligrafica coreana ecc.

“L’edizione romana – prosegue Choong Suk Oh – sarà centrata sulla cucina e sui giochi coreani, per un’esperienza interattiva che coinvolge tutte le fasce d’età. Sarà inoltre possibile iscriversi a corsi speciali di cucina dedicati al bibimbab e alle salse fermentate coreane, a workshop di bon ton in una tavola coreana o workshop dedicati al “Webtoon” (i fumetti digitali online molto rinomati in Corea) con sessioni di disegno digitale dal vivo. Il tutto sotto la guida di esperti maestri coreani”.


Related posts