Scroll to top
© 2018, Fashion in Town | Credits: Sacrèm Studio | All right reserved.

Amanda Lepore al Muccassassina venerdì 7 Aprile. Evviva!


Sonia Rondini - 5 Aprile 2017 - 0 comments

Arriva a Muccassassina, venerdì 7 aprile, Amanda Lepore, diva eccentrica e straordinaria, icona senza tempo né età. Musa di David La Chapelle, Amanda è l’incarnazione stessa del Pop. Dopo aver infiammato i più importanti gay pride del mondo, aver lottato per i diritti delle persone trans mostrandosi in tutto il suo sfacciato e eccessivo glamour la biondissima Amanda farà ballare il popolo della Muccassassina cantando i suoi successi, cult assoluti nei gay club di tutto mondo: Champagne, My Hair Looks Fierce, My Pussy (is Famous), Cotton Candy e Turn Me OverLa carriera di Amanda inizia nei night-club di New York, dove viene notata dal fotografo David LaChapelle che la vuole come modella. Partecipa a fortunate campagne pubblicitarie per Armani e MTV, collabora con artisti come Elton John, The Dandy Warhols, Cazwell, Sharon Needles e Cyndi Lauper. Definendo se stessa come “the most expensive body on earth”, fa dei numerosi interventi sul corpo la sua arma vincente, creando un’immagine sopra le righe, eccentrica ed eccessiva e diventando così indiscussa icona pop e gay. Tuttavia non ama definirsi attivista per i diritti della comunità LGBT poiché semplicemente pensa che “tutti debbano essere trattati in egual modo e debbano avere gli stessi diritti. Nessuno deve avere il potere di scoraggiarli: essi devono poter essere chi sono e fare ciò che li rende felici”. È in uscita il prossimo Aprile la sua biografia “Doll Parts”, pubblicata da Regan Arts, in collaborazione con Vigliano Associates e Peace Bisquit, scritta insieme a Thomas Flannery, che conterrà foto e immagini esclusive che raccontano ogni aspetto della sua illustre carriera che Muccassassina vuole celebrare. Diego Longobardi, direttore artistico della serata, commenta così: “Muccassassina vuole celebrare un’icona assoluta, colei che per noi è archetipo della cultura trans, gay, glamour in un solo unico e inimitabile personaggio. Tutti almeno una volta ci siamo ispirati ai suoi look e alle sue performance! Non poteva mancare a Mucca che da ben 27 stagioni promuove la cultura LGBT a livello internazionale”.

 

Related posts