Scroll to top
© 2018, Fashion in Town | Credits: Sacrèm Studio | All right reserved.

Fashion in Town incontra Francesco Stella


Sonia Rondini - 29 Febbraio 2016 - 0 comments

Per me la bellezza è una persona che dopo un’ora che ci parli è molto più bella di un’ora prima”. cit.

Sono inciampata stamattina su questa frase di Twitter e leggendola ho pensato fosse perfetta per introdurvi l’intervista fatta, almeno sinora, durante uno degli incontri più belli del 2016. Protagonista è Francesco Stella, 42 enne attore siciliano originario di Erice (Trapani) che molti di voi ricorderanno per la fiction “Solo per amore” su Canale 5 e per “Un passo dal cielo 3” su Rai Uno. Al nostro incontro su una terrazza nel centro di Roma arrivo impreparata, come sempre d’altronde. Preferisco che siano le persone che decido di conoscere a raccontarmi di loro, in assoluta libertà partendo da “Mi parli un po’ di te?”.

11752487_890409817716584_6386676705914639524_n

Cosa ricordo dell’incontro con Francesco? La spiazzante semplicità con cui si è relazionato con me per più di un’ora e mezza. E chi si aspettava di conoscere un tipo così a cui non interessa la sua età, che scinde il lavoro dalla sfera personale (che protegge), che ama la sua famiglia (Le cose che ami restano), che si contraddice sulle cose di poca importanza, che ama alla follia Roma (è una continua scoperta, non mi annoia mai), che ama cucinare (sa fare anche la pasta in casa), che non usa orologi (ti costringe al controllo del tempo), che si descrive testardo/buono/contraddittorio e che rispetta il lavoro degli altri? Io no di certo. 

12112157_10206573590550955_1146458114228979653_n

Nome: Francesco Cognome: Stella Professione: Attore Città in cui vivi: Roma Città di origine: Erice (Trapani) Cos’è la bellezza? E’ tutto ciò che mi emoziona, che mi fa venire la pelle d’oca. Mi piacciono talmente tante cose! Come fai a dire cosa sia. La bellezza è interiore o esteriore? Non voglio fare il newage della situazione. La bellezza è interiore. L’esteriorità svanisce, conosco persone che non corrispondono ai canoni di bellezza classici e che per me sono belle. Quale è l’oggetto che ti caratterizza? Gli anelli. A destra porto sempre un anello di famiglia dono di mia madre a mio padre e regalatomi poi da loro come segno di vicinanza. Mi dici una mania del tuo guardaroba? Sono disordinato, mi mette ansia il troppo ordine. Il mio armadio? Incasinato. Io accumulo e butto tutto dentro. Quale è la prima cosa che noti in una persona? La prima cosa che guardo sono gli occhi, non il nome. Gli occhi non mentono, il nome è una semplice informazione. Esiste un posto di Roma in cui ti senti a casa? Si, a Villa Pamphili. Qui i cani sono liberi. Io e il mio cane facciamo quello che ci pare. Cosa deve fare una donna per conquistare un uomo? Deve essere sempre se stessa e imparare che la prima mossa la fa l’uomo, non la donna. Gli uomini devono imparare ad essere uomini. A me una certa galanteria piace. La scena clou per conquistare una donna? Fiori (li compro anche per me), alcool e cibo: a prescindere da quello che cucini, nel piatto che fai ci deve essere il tempo che hai dedicato a quella persona.

Francesco Stella primo piano

Lo lascio a fine intervista con una strana sensazione che potrei riassumere così: Eppure, non è così difficile riconoscere qualcosa di prezioso, quando lo incontri. Non brilla, riempie. (cit.) Francesco, per me, è uno che con la sola presenza riempie lo spazio. E lui lo sa.

 

 

Related posts