Scroll to top
© 2018, Fashion in Town | Credits: Sacrèm Studio | All right reserved.

Yves Saint Laurent Beauté presenta “La Nuit de l’Homme” edition Collector 2014


Sonia Rondini - 15 Novembre 2014 - 0 comments

Terribilmente sensuale e selvaggiamente maschile… Come fare a non provare curiosità per una descrizione così? Corrisponderà più che altro? Direi proprio di si. L’incip è perfetto per il profumo “La nuit de l’Homme” di Yves Saint Laurent che sembra parlare di pericolo, seduzione e stile. Icona della notte, il flacone monocromo nero opaco afferma tutta la profondità del suo carattere  raffinato. Moderno e minimalista, solo delle scalfitture bianche ne sottolineano il design, come i graffi di un animale feroce. Con le sue linee in contrasto e il suo tappo dalle molteplici sfaccettature, sfoggia uno stile decisamente urbano. Misterioso, questo nuovo, ambitissimo scrigno mostra una tensione di contrasti, un gioco di luci e ombre, giorno e notte, desiderio e pericolo. Profumo di tensione, “La nuit de l’Homme” esplora l’eterna opposizione tra il desiderio animale più primitivo e una raffinata seduzione maschile. Questa fragranza piena d’audacia unisce due personalità all’opposto in tutto, ma che insieme formano una composizione olfattiva dagli accenti orientali freschi e voluttuosi. La sua prima sfaccettatura incarna una virilità contemporanea, calda e sensuale, interpretata dal fascino ammaliante delle note di fava tonka – ingrediente soave e fumé per eccellenza –  ed esaltata dal brivido avvincente del legno di cedro. Il suo opposto sprigiona simultaneamente una cascata di note frizzanti e acidule d’essenza di cardamomo in contrasto con l’accordo speziato del pepe nero, rivelando così una sensualità sfrenata, alimentata dal desiderio. “La nuit de l’Homme” offre un’esperienza olfattiva affascinante, estremamente sensuale ed eternamente fresca insieme: l’unione di stile, seduzione e magnetismo animale per un predatore pericoloso e provocante, dichiarato e irresistibile, dall’eleganza rara. Un’edizione Collector 2014 di cui l’uomo metropolitano non può fare a meno.

Related posts