Scroll to top
© 2018, Fashion in Town | Credits: Sacrèm Studio | All right reserved.

L’Ephemere: atmosfere francesi sul lungotevere romano


Elena Parmegiani - 25 Luglio 2017 - 0 comments

La Francia non è stata mai così vicina a Roma come quest’estate: ha da poco aperto infatti sul Lungotevere il ristorante L’Ephemere che fino al 5 settembre delizierà i palati dei suoi ospiti con prelibatezze francesi. Il locale è la versione estiva del rinomato locale Le Carrè Francais aperto nel 2015 in via Vittoria Colonna grazie al talento di Jill Mahè. Le Carrè Francais si è subito distinto per la degustazione di prodotti d’oltralpe di alta qualità a prezzi ragionevoli essendo sia bottega, patisserie, boulangerie, boucherie, fromagerie, epicerie e cave vin. Jill, provenendo dal mondo dell’editoria enogastronomica, si è tuffato con grande entusiasmo in questa nuova avventura della ristorazione tanto che per quest’estate ha deciso di puntare su un secondo locale, questa volta lungo le suggestive sponde del fiume Tevere. Mahè, parlando della sua nuova creatura, afferma: “Il mio ristorante L’Ephemere nasce dall’idea di voler produrre tutto autonomamente: pane, dolci, formaggi, cornetteria, vino hanno un iter produttivo artigianale e ciò fa la differenza con gli altri locali. Tutte le materie prime dei cibi che prepariamo provengono dalla Francia, ad esempio, il cornetto viene fatto con uno speciale burro francese, il burro di tourage, inoltre si possono trovare ben diciotto tipologie di cornetti e ben sedici specialità di pane differenti. Il pane poi viene consegnato all’Ephemere da un mio incaricato con una bici elettrica, come negli anni cinquanta, in perfetto stile francese!. Abbiamo selezionato il personale francese più adatto per ogni reparto di produzione in grado anche di addestrare il rispettivo collega italiano, in modo tale da creare coppie di pasticceri, di panettieri e di chef di entrambe le nazionalità.” Fra le specialità dell’Ephemere segnaliamo: il carpaccio d’orata con salsa vergine, il baccalà  in maionese maison, i gamberoni in salsa Tartare, il brandade di baccalà  mantecato, il ratatouille, nonché l’assortimento di 5 ostriche “Tour de France” (les perle des ecailles provengono freschissime dai cinque mari di Francia). Una delle pietanze più richieste e che riscuote sempre successo è la “Croque Monsieur”, una specialità realizzata con pan carrè, prosciutto cotto, besciamella fatta in casa amalgamata con un formaggio importato dalla Francia, prosciutto e salmone. I cibi sono serviti con ottimo champagne cuveè des Moines di Besserat de Bellefon (prodotto a Epernay, dipartimento della Marna, area Champagne-Ardenne) e con rosè di St. Tropez del Domaine de la Rouillerè (Gassin, delizioso centro a due passi da Saint Tropez). La carta dei vini, rigorosamente francesi, viene cambiata ben tre volte l’anno. Ci sono cibi anche per vegani e per celiaci. Con la formula “bar a ostriche & champagne” i romani potranno apprezzare le specialità  francesi estive senza dovere per forza volare in Costa Azzurra. Idem per crepes suzette flambè (ma non solo) e galettes firmate (ai tavoli, da asporto o al banco). Le Carrè Francais è anche sponsor della manifestazione Lungo il Tevere di Roma 2017, in quanto distributore per l’Italia dei suoi vini e champagne rosè di selezionati produttori francesi. Alcuni prezzi? 5 ostriche “Tour de France” + un calice di champagne € 30 euro; accesso al cibo del buffet con due bicchieri di rosé € 30 euro; crepe € 5,00 l’una. Conclude Jill Mahè:  “Vogliamo essere una vera e propria ambasciata di gusto e sapori francesi nel cuore di Roma, promuovendo le tradizioni del popolo francese in Italia , e vogliamo sviluppare un itinerario gourmet che darà piacere a tutti i romani e non solo“.