Scroll to top
© 2018, Fashion in Town | Credits: Sacrèm Studio | All right reserved.

Moma: a Roma il bistrot teatro del cibo


Sonia Rondini - 25 Febbraio 2020 - 0 comments

Moma, in Via di San Basilio 42 (Roma) è un ristorante unico nel suo genere.
Doppia, infatti la sua anima: bistrot di giorno e gourmet la sera.
Doppi anche gli chef: ognuno con proposte culinarie differenti e due cucine separate.

Interessante il design del locale. L’arredamento è caratterizzato da uno stile “minimal”, dove il calore del legno wenge e della pelle gioca con il rigore dell’acciaio e dei cristalli delle grandi finestre.

Moma i sviluppa su due livelli. Il piano terra è dominato dal grande e invitante banco bar e, sulla sinistra, si apre la scala, che conduce gli ospiti al ristorante.

Ideatori del ristorante “Moma” sono i fratelli Gastone e Franco Pierini, da sempre nel mondo della ristorazione.

Tra i loro progetti “La Fattoria” (con i suoi 1.600 coperti uno dei più grandi d’Europa), il “Caffè Italiano”, “La Buvette” e “Pro Loco Pinciano”.

Moma è oggi un indirizzo di riferimento nel panorama gastronomico romano. Giustamente viene da dire.

I menu del ristorante vengono realizzati partendo da una scelta etica: quella di selezionare un’ottima materia prima direttamente da piccoli allevatori, coltivatori, pescatori del territorio italiano, in base alla stagionalità.

Per la cena Moma, oltre alla carta, propone due menù degustazione: uno da quattro portate (antipasto, primo, secondo e dessert) e l’altro da sei (due antipasti, due primi, un secondo e il dessert).


Chef del Moma è Andrea Pasqualucci, romano, classe 1989 che incanta con il risotto alla camomilla, anguilla affumicata, miele e origano.

“Mi piace creare un piatto – racconta lo chef – come fosse un modellino da pitturare in tutti i suoi dettagli: gli ingredienti giusti come fossero i colori giusti. Può sembrare semplice comporre un piatto dal sapore equilibrato, con pochi ingredienti, ma è la cosa più difficile e, per me, è la massima espressione della cucina”.

Nel 2019 questa visione della cucina viene premiata con il riconoscimento della Stella Michelin. Da provare assolutamente!

Related posts