Sandra Milo è da sempre legata ai miei ricordi di infanzia. Mi rivedo bambina sul divano con mia madre che la guarda divertita in televisione e sorride. Mi rende felice leggere sempre di lei. Sandra è stata la musa ispiratrice di Federico Fellini e rimane una delle dive per eccellenza del cinema italiano. Domani 8 marzo la Casa del Cinema di Roma ha il piacere e l’onore di ospitare Salvatrice Elena Greco in arte Sandra Milo, prima della presentazione del documentario a lei dedicato “Salvatrice – Sandra Milo si racconta” (ore 17.30), in programma all’interno della rassegna ItaliaDoc2018. L’occasione sarà di quelle speciali: la consegna da parte del SNGCI – Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani del Nastro d’Argento 2018 – Premio Speciale assegnato all’attrice per la sua partecipazione come protagonista al documentario diretto dall’esordiente Giorgia Wurth. Sandra Milo riceverà il premio dalle mani della Presidente del SNGCI Laura Delli Colli e saluterà il pubblico della sala Deluxe insieme al curatore della rassegna Maurizio Di Rienzo. A seguire, la proiezione dell’intenso ritratto della Wurth che ripercorre insieme alla stessa Milo le tappe di un’intera carriera mostrando al pubblico le particolarità caratteriali di una donna versatile, ironica e saggia ancor prima di essere diva. Il documentario, presentato in anteprima alla Festa del Cinema di Roma, due giorni dopo la proiezione alla Casa del Cinema verrà trasmesso in prima serata sabato 10 marzo sul canale satellitare Sky Arte.