Scroll to top
© 2018, Fashion in Town | Credits: Sacrèm Studio | All right reserved.

Fashion in Town incontra Claudio De Tullio, dj barese anticonvenzionale


Sonia Rondini - 2 Aprile 2020 - 0 comments

Non la bellezza, ma la musica ci salverà. Meglio se quella di Claudio De Tullio, dj barese dalla grande umanità. Appassionato di musica sin da bambino, Claudio è un tipo  freak e molto “peace & love”. Anticonvenzionale e stravagante per scelta, è dj resident di Borgo Egnazia, famoso Best Hotel 2016/2018 del mondo frequentato dalle più famose celebrità del pianeta. Artista eclettico e appassionato di House Music, ha tra i suoi miti Frankie Knuckles, dj leggenda del Gallery e del Paradise Garage di New York. Claudio, così come Knuckles, parla agli altri attraverso una attenta e mai banale selezione musicale. Senti da che pulpito viene la musica potremmo dire ascoltandolo mixare e vedendolo ballare felice dietro la consolle! Conosciamolo meglio.

Nome Claudio | Cognome De Tullio | Città in cui vivi? Roma | Dove sei nato? Bari | Cosa è la bellezza? Tutto quello che ti da emozione, che ti riporta alla tua natura, ai sentimenti puri di quando eri bambino. Penso alla bellezza di un ricordo come tuo padre che torna a casa dopo lavoro e ti bacia. Non bisogna fare della bellezza un motivo per farsi vedere. | La bellezza è relativa o assoluta? A questo punto direi che è relativa. C’è a chi piace e a chi no. La bellezza è un punto di vista. | La mania del tuo guardaroba? Mi piace tutto ciò che può caratterizzare il mio personaggio. Oggi posso sentirmi più punk, domani più pop. Tutto ciò che fa scandalo, a livello di accostamenti intendo, mi piace. Molte volte osa la donna, non l’uomo perché viene etichettato subito come gay. Occorre liberarsi dalle mode, essere stessi. | L’accessorio che ti caratterizza? Sicuramente i capispalla. Mi rappresentano i cappotti e le giacche lunghe, larghe, un mood questo che rispecchia la moda di New York che amo e che ti fa sentire comodo. | La prima cosa che osservi in una persona? Direi gli occhi, il viso. Se mi piace “è fatta!”. | Dove ti senti a casa? A Las Vegas, la città dello show e in cui si fa bene l’arte. Qui l’arte diventa show. Mi fa sentire me. Qui rispettano l’artista. Sensazione bellissima sai? | Obiettivi? Diventare una star, diffondere la buona musica! | Dove ti piacerebbe essere ora? Esattamente dove sono, a casa con la mia famiglia. | Ami viaggiare? Io viaggerei sempre, anche con due euro in tasca lo farei. Viaggiare significa crescere.

Riservato, sensibile, curioso, da sempre riesce a sdrammatizzare tutto con una semplice risata. Claudio ha la capacità di leggere le persone e di trovare sempre le parole giuste per tranquillizzarti quando ne hai bisogno. Forse perché lui non giudica, ma ascolta. “Less is more, more is less” è il suo motto. Esagerare si, ma con equilibrio come suggerisce anche Alberto Schön. 

Hey Claudio, metti la musica, noi uno di  questi giorni vorremmo ballare! 

Hey Mister DJ | Put a record on | I wanna dance with my baby | And when the music starts | I never want to stop | It’s gonna drive me crazy | Music, music, music, music | Music, music, music, music, music | Music makes the people come together | Music makes the bourgeoisie and the rebel (Madonna)

Related posts